Il sole è la più grande fonte di energia. La luce visibile e le radiazioni che rientrano nello spettro dell’ultravioletto e dell’infrarosso sono necessarie a sostenere la vita sulla Terra.
Il sole però può comportarsi da “amico-nemico” a seconda di come ci esponiamo.

 IL SOLE COME AMICO

Il sole possiede numerose proprietà benefiche per il nostro organismo, tra cui:

- REGOLA IL RITMO CIRCADIANO
Il sole svolge un ruolo centrale nella regolazione dell'alternanza sonno-veglia, riducendo così i disturbi del sonno.

- STIMOLA LA SINTESI CUTANEA DELLA VITAMINA D
La Vitamina D svolge molteplici funzioni: è fondamentale per l’omeostasi del calcio e del fosfato aumentando così la densità ossea; svolge un’azione antiossidante bloccando i danni indotti dai radicali liberi; è un potente antinfiammatorio; stimola il rilascio del neurotrasmettitore serotonina responsabile del buonumore; rafforza il sistema immunitario incrementando le nostre difese.
Numerosi studi scientifici, inoltre, dimostrano che una carenza di Vitamina D possa essere correlata a un aumentato rischio di sviluppo del cancro in diversi organi, quali prostata, seno, intestino, soprattutto nei paesi meno esposti al sole.
Oltre il 90% della quantità totale di Vitamina D è prodotta durante l’esposizione ai raggi UVB, mentre la restante quota viene assunta con la dieta. Malgrado ciò, non è ancora chiara la correlazione tra i tempi di esposizione al sole e i livelli di Vitamina D neosintetizzata.Anche durante l’estate, l’esposizione solare potrebbe non essere sufficiente al corretto apporto di Vitamina D. L’applicazione di una crema solare con un elevato fattore di protezione (SPF) è necessaria a proteggerci dall’azione deleteria dei raggi UV ma, simultaneamente, riduce l’esposizione della pelle alle radiazioni necessarie alla sintesi della Vitamina D. Pertanto diviene indispensabile un’integrazione per via orale in modo da compensare l’eventuale carenza. È importante ricordare che pazienti affetti da fotodermatosi o che assumono farmaci fotosensibilizzanti dovrebbero evitare il più possibile il sole, proteggendosi con un prodotto solare ad alta protezione, e assumere Vitamina D per via orale. 

- SVOLGE UN’AZIONE ANTIBATTERICA
Riducendo così le infezioni batteriche con conseguente miglioramento di diversi disturbi della pelle (es. acne).

- RIDUCE L’IPERPROLIFERAZIONE CELLULARE
La corretta esposizione al sole migliora varie patologie cutanee caratterizzate da questo disturbo, come la psoriasi.

 IL SOLE COME NEMICO

L’esposizione scorretta ai raggi UV può innescare molteplici meccanismi biologici con esiti negativi:

- ERITEMA SOLARE è la reazione cutanea più rapida in risposta all’azione dannosa dei raggi UVB ad alto contenuto energetico. Non è altro che un’infiammazione della pelle caratterizzata da arrossamento, comparsa di papule pruriginose e secchezza cutanea. L’esposizione prolungata al sole, inoltre, può aggravare questa condizione provocando danni al microcircolo, un’aumentata permeabilità capillare e un forte richiamo di mediatori dell’infiammazione che causano arrossamento persistente del viso.

FOTOINVECCHIAMENTO è un danno che si manifesta più a lungo nel tempo, è indotto soprattutto dai raggi UVA che diffondono negli strati più profondi della pelle. Vengono innescati diversi meccanismi biochimici che causano: danni diretti al DNA; aumento dei radicali liberi, molecole che danneggiano diverse macromolecole biologiche (DNA, proteine, lipidi); aumentata sintesi degli enzimi degradanti le componenti di sostegno della pelle (fibre di collagene e di elastina). Tutti questi eventi causano perdita di elasticità, perdita di tono, comparsa delle rughe, disidratazione e danni al microcircolo cutaneo.

MACCHIE SOLARI sono causate da diversi meccanismi biochimici indotti dai raggi UV, tra cui: aumento dei radicali liberi che inducono un’iperattivazione della tirosinasi, enzima responsabile della sintesi della melanina; un incremento della trascrizione dei geni che regolano la pigmentazione cutanea; un’aumentata secrezione di α-MSH (α-Melanocyte Stimulating Hormone).

- TUMORI DELLA PELLE risultanti dalla combinazione di fattori genetici, fattori ambientali e dalla disfunzione del nostro sistema di riparazione del danno UV-indotto.

 CONCLUSIONI

È importante esporsi al sole adottando le adeguate precauzioni: proteggersi dai raggi solari applicando un prodotto solare con un fattore di protezione idoneo al proprio fototipo, riapplicare la crema dopo essersi bagnati ed evitare le ore più calde della giornata.

 COSMECEUTICI MIAMO

- ADVANCED DAILY DEFENSE SUNSCREEN CREAM SPF 30

- ADVANCED DAILY DEFENSE SUNSCREEN CREAM SPF 50+

- UV- SPOTCONTROL SUNSCREEN CREAM SPF 50+

 BIBLIOGRAFIA

Agnieszka Osmola-Mankowska, Wojciech Silny et al., The sun – our friend or foe?Annals of Agricoltural and Environmental Medicine, 2012, 19(4), 805-9.