Tipi di brufoli, cause e prodotti consigliati

Comedoni, papule e pustole sono le manifestazioni dermatologiche dell’acne, una malattia di natura infiammatoria che coinvolge le ghiandole sebacee associate al follicolo pilifero.

Le ghiandole sebacee sono piccoli organi esocrini presenti nel derma che producono sebo, una sostanza oleosa ricca di acidi grassi la cui funzione è quella di lubrificare, nutrire, rendere morbida ed elastica la pelle.

Fisiologicamente, il sebo dopo essere stato prodotto, si riversa sull’epidermide svolgendo la sua funzione protettrice della pelle. Talvolta però quando le ghiandole sebacee sono iper-reattive e il poro della pelle si ostruisce a causa di ipercheratinizzazione, il sebo non riesce a raggiungere la superficie dell’epidermide e si accumula provocando lo sviluppo di un comedone, chiamato comunemente punto nero, o di un punto bianco.

Il sebo contenuto nel comedone può essere un ambiente favorevole per la proliferazione di batteri già presenti sulla pelle come il Propionibacterium acne, che prolifera in presenza di abbondanti acidi grassi e in condizioni di anaereobiosi. La colonizzazione batterica innesca così la risposta immunitariache richiama globuli bianchi dal circolo sanguigno che innescano l’infiammazione. La risposta immunitaria ha come risultato sia la risoluzione dell’infezione batterica ma anche il danneggiamento della parete del follicolo pilifero estendendo la zona infiammata e dando vita ai brufoli.

Nei casi più severi il brufolo può dare vita a noduli o cisti.

Come sono classificati i brufoli?

Le manifestazioni acneiche si classificano in:

  • Comedoni aperti: detti anche punti neri, sono manifestazioni non infiammatorie ed appaiono come un punto dal colore scuro sulla pelle, contengono sebo e melanina in eccesso che gli conferisce la colorazione caratteristica
  • Comedoni chiusi: sono punti bianchi non infiammati, si presentano come un’imperfezione sporgente della pelle con una punta bianca
  • Papula: si manifesta come un brufolo sottopelle, un piccolo rigonfiamento che non manifesta in superficie la presenza di pus con la caratteristica punta bianca
  • Pustola: molto simile alla papula, contiene al proprio interno pus infatti è caratterizzata dalla punta centrale bianca o giallognola
  • Noduli e cisti: sono le manifestazioni acneiche più gravi, l’unico elemento che le differenzia tra loro è la presenza di pus nel caso delle cisti ma, allo stesso modo, si sviluppano nel derma, hanno un aspetto molto simile, possono causare dolore e cicatrici post-acne.

post-articolo-brufoli-2

  • Acne comedonica: una manifestazione lieve di acne caratterizzata dalla presenza di comedoni aperti o chiusi. Generalmente si manifesta sul viso.
  • Acne papulo-pustolosa: tipo di acne moderata o severa caratterizzata dalla presenza di papule e pustole. Di solito coinvolge la pelle del viso e, solo in alcuni casi, delle spalle.
  • Acne nodulo-cistica: o acne conglobata, è il tipo di acne severa. Le lesioni acneiche principali sono noduli e cisti che si manifestano su viso e corpo.

Su che parti del corpo si manifestano i brufoli?

Le ghiandole sebacee sono presenti su tutta la superficie corporea, tranne palmi delle mani e dei piedi, ma con una distribuzione diversa a seconda delle aree. In alcune zone del corpo – viso, spalle, petto e dorso- sono più presenti e in altre meno per questo motivo non è sempre corretto parlare di acne riferendosi solo alla pelle del viso in quanto, più comuni di quanto si crede, sono anche i brufoli sul petto o sulle spalle e sulla schiena. Queste aree possono essere anche soggette di frequente a brufoli interni e che fanno male.

post-articolo-brufoli-3

Fattori di rischio che causano i brufoli

L’acne è una patologia infiammatoria multi-fattoriale, per questo motivo individuare l’origine della comparsa dei brufoli è molto difficile. Sono stati individuati però tanti fattori di rischioche potrebbero incidere sulle manifestazioni acneiche:

  • Variazioni ormonali: spesso la comparsa dell’acne è legata ai cambiamenti ormonali, non è quindi un caso che i brufoli compaiono durante la pubertà, in gravidanza, durante il ciclo mestruale o nel caso di ovaio policistico. Gli androgeni, ormoni maschili che sono prodotti anche dalle donne, stimolano le ghiandole sebacee a produrre più sebo facilitando la comparsa delle manifestazioni acneiche.
  • Predisposizione genetica: l’acne non è ereditabile, tuttavia è stato riscontrato che nella maggioranza dei casi persone che soffrono di acne hanno almeno un genitore che ne ha sofferto. Questo indica che alcuni soggetti hanno una predisposizione maggiore a rispondere agli stimoli degli androgeni.
  • Fattori psicologici: numerosi studi dimostrano che stati di ansia o di stress incidono sull’equilibrio endocrino. In momenti stressanti si riscontra un aumento della produzione di cortisolo da parte delle ghiandole surrenali, questo ormone sembra essere coinvolto nei processi di produzione eccessiva di sebo. Inoltre, in questi casi si innesca un circolo vizioso in cui lo stato d’ansia causa la manifestazione acneica e l’acne stesso provoca disagio e stress alla persona peggiorando così la situazione.
  • Cosmesi sbagliata: l’uso di prodotti contenenti molecole comedogeniche, come vaselina, pretrolati, siliconi, possono influire sulla fisiologia cutanea ostruendo i pori e predisponendo la pelle allo sviluppo di comedoni e di brufoli.
  • Farmaci: l’assunzione di corticosteroidi, androgeni, antidepressivi e anabolizzanti potrebbe influire sulle manifestazioni acneiche
  • Alimentazione: non è ancora chiara la correlazione tra acne ed alimentazione. Alcune evidenze dimostrano come il consumo nella dieta di un’elevata quantità di cibi ad alto indice glicemico vanno ad iperstimolare la secrezione di insulina, ormone che potrebbe influire sulla produzione endocrina degli ormoni sessuali. Evitare il consumo di cibi ad alto contenuto di grassi sembra essere solo un mito da sfatare e non avere una vera evidenza scientifica.
  • Fumo: la relazione tra la comparsa di brufoli sulla pelle e fumo è molto dibattuta dalla comunità scientifica, attualmente diversi studi hanno ottenuto risultati contrastati tra loro e quindi questo aspetto è ancora da validare.
  • Sole: l’esposizione ai raggi solari può essere un fattore di rischio per l’aggravamento dei brufoli già presenti sulla pelle. Appena ci si espone al sole, l’aspetto della pelle sembra migliorato, la produzione di sebo normalizzata e l’infiammazione diminuita. Successivamente, la pelle si inspessisce per proteggersi dai raggi UVA ed UVB intrappolando ancora più sebo ed aggravando la patologia acneica.

Prodotti consigliati

Osservare i cambiamenti della propria pelle ed ascoltarne le esigenze è fondamentale per la cura di eventuali problematiche che potrebbero insorgere. Una pelle improvvisamente più unta è un chiaro segnale di un’iper-produzione di sebo insieme alla comparsa di focolai infiammatori in zone del corpo che sono maggiormente interessate dall’acne - viso, spalle, petto, dorso – sono il segnale di avvio della patologia acneica.

Quando si notano questi cambiamenti è importante non premere il brufolo ma intervenire presto con prodotti mirati per non far evolvere l’acne nella sua forma più severa.

Seguire quotidianamente una corretta skincare routine, con prodotti specifici per l’esigenza della pelle acneica aiuta ad eliminare i brufoli e a prevenire le conseguenti macchie e cicatrici post-acne.

Per questo motivo il team scientifico di Miamo® ha sviluppato la linea Acneverper garantire anche alle pelli acneiche salute e bellezza seguendo la filosofia dell’Healthy Skin.

Miamo® ha pensato a tutti gli step della skincare routine di cui una pelle acneica ha bisogno:

  • Detersione: con AHA/BHA PURIFYING CLEANSER, detergente che purifica la pelle in profondità, ha lo scopo di sebo-regolarizzare, eliminare le cellule morte e le impurità della pelle fin dal primo passaggio, nel pieno rispetto della sua naturale fisiologia
  • Esfoliazione: con SALICYLIC ACID EXFOLIATOR 2%, un esfoliate viso all’Acido Salicilico, ha una funzione astringente, purificante, elimina le cellule morte ma ha anche un’azione antinfiammatoria e antisettica
  • Trattamento: con CLEANSING PURIFYING MASQUE, una maschera all’Argilla arricchita con Ossido di Zinco, Zolfo ed Acido Salicilico. Purifica la pelle, la rende morbida e ne migliora l’aspetto. Invece, per il trattamento di ogni singolo brufolo DRY SPOTè un prodotto dal potere astringente, antinfiammatorio, studiato per attenuare le imperfezioni cutanee e i rossori.
  • Idratazione: con OIL FREE MOISTURIZER GEL, un gel idratante sebo-normalizzante, contiene Acido Ialuronico ed estratto di Alga Rossa, riequilibra la produzione di sebo, ha una formula molto leggera, di facile assorbimento ed è un’ottima base trucco.

I tempi di trattamento variano a seconda della gravità dell’acne da cui si è interessati. Prima di iniziare qualsiasi trattamento consigliamo di chiedere parere al medico o al farmacista.

I prodotti cosmeceutici Miamo formulati sotto la direzione scientifica della Dott.ssa Camilla D'Antonio, sono distribuiti da Medspa srl e venduti in farmacia.